Domande frequenti

La maggior parte delle persone che conosco non hanno sentito parlare spesso di Coaching o semplicemente non hanno familiarità con l’argomento. Purtroppo è difficile trovare informazioni chiare su cosa sia il Coaching, su come trovare il Coach giusto e su come funziona il percorso, pertanto ho messo insieme una lista di FAQ per comprendere meglio il mondo del Professional Coaching.

Nella sua forma più naturale, il Coaching consiste nell’aiutare una persona a fare chiarezza internamente, a superare sfide trovando nuove soluzioni e, infine, a raggiungere obiettivi alle proprie condizioni. Il Coaching, supporta le persone nel fare cambiamenti profondi e duraturi nella propria vita, spingendole a scavare più a fondo in modo che possano sbloccare il loro vero potenziale. Un Professional Coach è un professionista preparato e specializzato nell’aiutare il Cliente a raggiungere i suoi obiettivi personali e professionali. In genere, questo si realizza attraverso una serie di sessioni individuali o di gruppo, progettate per aiutare il Cliente ad applicare il suo potenziale nella vita e nel lavoro. Nei percorsi di Coaching con i miei clienti, mi concentro su tre pilastri fondamentali di ogni grande evoluzione nella vita: chiarezza, fiducia e coraggio. Il mio approccio nel Coaching è basato sulla mia personalità, sulle mie esperienze professionali e sulle mie esperienze di vita.
Il Coaching è profondamente redditizio agli occhi delle aziende e delle persone che assumono un Coach, con il 99% che lo considera “soddisfatto o molto soddisfatto”; e il 96% che afferma “ripeterebbe il processo”. (Studio globale sui clienti ICF Global Coaching)​

I clienti spesso continuano a fare Coaching perchè rimangono soddisfatti dei progressi e godono dei benefici che si creano nella relazione con il Coach. Questo è infatti un aspetto che distingue il Coaching dalla consulenza: si tratta di una relazione piuttosto che di una transazione. Invece di lavorare per risolvere una sola serie di problemi come fa il consulente, il Coach aiuta i clienti a navigare nel mondo personale e/o professionale rendendo il processo estremamente soddisfacente sia per il cliente che per il Coach.

Quando un cliente lavora con un Coach, acquisisce consapevolezza di sé e una nuova prospettiva sulle sfide personali, migliorando in ultima analisi la fiducia in sé stesso, le relazioni, la capacità di comunicazione e l’equilibrio vita/lavoro.

I Coach professionisti sono dotati di competenze, strumenti e tecniche per guidare gli altri verso un migliore processo decisionale, una comunicazione più efficace e una leadership più forte.

Tutti possono trarre beneficio dal Coaching, ma esso tende a risuonare al meglio con le persone che aspirano a migliorare la propria vita o a raggiungere un più alto livello di successo personale o lavorativo. Se ti senti bloccato ad un bivio o incastrato in una o più aree della tua vita, se ti senti frustrato da qualche aspetto della tua carriera, se sei alle prese con un cambiamento importante, o semplicemente aspiri a migliorare uno o più ambiti della tua vita, il Coaching potrebbe essere ciò che fa per te.


Io stessa lavoro con un Professional Coach quando mi trovo a dover affrontare delle importanti transizioni nella mia vita, oppure mi ritrovo ad avere ripetutamente lo stesso problema. Non amo perdere tempo e se devo compiere passi importanti nella mia vita, lavoro in squadra con il mio Coach per velocizzare i processi ed avere un approccio più ampio e creativo nel trovare soluzioni ed idee.

Molti dei miei clienti sono professionisti molto occupati, quindi svolgo le mie sessioni via Skype o al telefono, in modo tale che i miei clienti possano parlare con me nel comfort e nella privacy della loro casa o ufficio, ottimizzando i tempi. In genere, si inizia con una Discovery Session gratuita che è una sessione conoscitiva, per avere una fotografia della situazione attuale del Cliente e degli obiettivi che desidera raggiungere. Durante le sessioni successive si chiariscono i valori guida, si identificano le barriere che stanno ostacolando il Cliente, le frustrazioni e le aree in cui tende a rimanere bloccato, creando strategie per superare ciò che sta limitando la realizzazione personale o lavorativa. Alla fine di ogni sessione si parla dei passi successivi e delle azioni da intraprendere per far avanzare il Cliente tra una sessione e l'altra. Le sessioni durano 90 minuti. Tutte le informazioni sono coperte dal segreto professionale e riservate al 100%. Al termine del percorso insieme, si ricapitolano i progressi e si chiarisce come poter sfruttare al meglio ciò che è stato appreso, per proseguire in modo ottimale nella vita.

Il mio approccio nel Coaching è lo specchio della mia personalità, si basa sui grandi momenti di transizione e cambiamento della mia vita, sul mio background professionale aziendale, sulla mia formazione in psicologia e su una fortissima predisposizione e passione nell’aiutare il prossimo a sentirsi abbastanza.  Lavoro principalmente con individui che stanno attraversando o vorrebbero affrontare un’importante cambiamento, trovandosi a mandare la vita in una direzione radicalmente diversa e spesso ignota, e desiderano farlo ragionando insieme a qualcuno super partes, che possa aiutarli a rilevare e sviscerare ogni aspetto riguardante la propria scelta.

Il Life Coaching tratta la persona nella sua interezza e questo include le relazioni, la salute, la
carriera, l’ambiente in cui vive, il sociale, ecc.  Il Business Coaching tende a concentrarsi in modo specifico sul lavoro e su argomenti professionali. Tuttavia, le sessioni inevitabilmente finiscono per includere svariati argomenti, poiché la carriera raramente rimane isolata dal resto della nostra vita.

Sì. Attualmente il termine  “Coach”  è usato in modo molto ampio. Alcuni si definiscono Coach anche se non si sono impegnati in un processo di formazione o di certificazione ufficiale. Un Professional Coach accreditato ICF (International Coach Federation) ha completato rigorosi requisiti di formazione ed esperienza, ha dimostrato un forte impegno verso l'eccellenza nel coaching, ha soddisfatto la formazione specifica, ha raggiunto un determinato numero di ore di esperienza pratica, ha sostenuto esami e svolge l’attività in modo costante e professionale. Un Coach certificato permette al cliente di scartare i Coach che lo fanno “per hobby” e identificare coloro che si sono realmente dedicati ad essere Coach professionisti. 

I Coach certificati da ICF possono essere di 3 tipi, a seconda del numero di ore di esperienza sul campo:
– MCC (Master Certified Coach – livello avanzato)
– PCC (Professional Certified Coach – livello intermedio)
– ACC (Accredited Certified Coach – livello base)
Personalmente, a gennaio del 2018 ho raggiunto la certificazione PCC e mi sto impegnando per certificarmi come MCC entro la fine del 2021.

Assolutamente sì.  Non lascerei mai che la geografia fosse un fattore limitante ed è per questo che tutte le mie sessioni si svolgono via Skype o telefono. Vivo in Italia, ma ho clienti nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Svizzera e ovviamente sparsi per l’Italia.

Quando hai deciso di dare effettivamente un boost alla tua vita o alla tua carriera, inizia a fare una selezione dei Professional Coach presenti sul mercato, richiedi una consulenza gratuita per capire se tra di voi si crea la chimica necessaria per lavorare insieme. Prima di contattarlo puoi leggere eventuali testimonianze presenti sul suo sito o sul profilo di LinkedIn per vedere se risuonano con te.
La lettura delle testimonianze può aiutare a capire se le offerte del Coach sono in sintonia con le tue esigenze.
Infine, se ritieni che l’approccio, le tariffe e il background del Coach possano essere in linea con quello che stai cercando, inizia il percorso!
Leggi le mie testimonianze se pensi che io potrei essere il tuo Coach (Creiamo un bottone con questa frase, che mandi alle testimonianze?)

Questo dipende, ma in generale ci vogliono più sessioni per creare progressi significativi. Nella mia esperienza, ho constatato che i clienti che hanno raggiunto il massimo dal percorso di Coaching si sono impegnati per un minimo di 12 sessioni, poiché un cambiamento significativo non avviene da un giorno all’altro.

Alla fine di una sessione di Coaching chiediti se hai imparato qualcosa di nuovo su te stesso e se hai fatto chiarezza sulla tua situazione. Dovresti sentirti come se stessi unendo i punti e
acquisendo una nuova consapevolezza, per consentirti nuove azioni e nuovi risultati nella tua vita.

I Coach hanno strutture tariffarie diverse, basate sul numero di anni di formazione, le
certificazioni, l’esperienza sul campo e i pacchetti offerti.
Se sei interessato a lavorare con me, fissiamo una Discovery Session gratuita per valutare insieme quale sia il miglior percorso possibile ed i costi.

I consulenti migliorano le situazioni, i Coach migliorano le persone. I clienti assumono un consulente (esperto esterno) che li aiuti a definire i loro problemi e a formulare soluzioni. Il consulente è visto come l’esperto in ciò che deve essere fatto e può arrivare fino ad agire per le soluzioni che raccomanda. Al contrario, un Coach non utilizza le proprie esperienze personali come modello di successo per il cliente. La metodologia del Coaching considera i clienti come “esperti” della propria vita e del proprio business. Il Coach non dice al cliente cosa fare, ma lo aiuta a trovare le proprie risposte.
Un mentore dice: “Seguimi”. Un Coach chiede al cliente di indicargli dove si trova sulla mappa e poi chiede: “Dove andiamo adesso?” Il mentoring di solito consiste nell’aiutare il cliente ad imitare il successo del mentore stesso. Un mentore viene spesso scelto perché ha percorso la strada che il cliente desidera seguire. A differenza del mentoring, in cui il cliente cerca di seguire le orme del mentore ed emulare le sue decisioni e il suo stile, le tecniche di Coaching sono progettate per aiutare le persone a trovare il proprio percorso e a scoprire i propri punti di forza, le proprie abilità e i propri punti ciechi. Un Coach ha la capacità di aiutare il cliente ad attingere dalla propria esperienza e dalla propria saggezza per andare avanti.

La terapia esamina il passato per aiutare un cliente ad affrontare il presente. Il Coaching si basa sul presente per creare il futuro. In generale, un paziente che va in terapia, passa dall’essere disfunzionale a funzionale. Spesso questo passaggio consiste nella risoluzione dei conflitti all’interno dell’individuo o in una relazione, nel superamento di problemi del passato, nella guarigione da traumi ecc. La terapia, quindi, deve spesso affrontare il passato in modo che il paziente possa esistere nel presente.

Il Coaching, invece, lavora già a livello funzionale. I clienti passano dallo stato funzionale a quello ottimale. Hanno degli obiettivi in mente ed è compito del Coach aiutarli a vedere oltre gli ostacoli interiori che li trattengono per poter operare ad un livello ottimale.

Un migliore amico ha delle opinioni e un’agenda. Un Coach ha un processo. Spesso le parole che un cliente usa per descrivere il suo rapporto con il Coach possono ricordare un migliore amico, un confidente o un consulente di fiducia. Ma c’è una grande differenza tra un migliore amico e un Coach. Quando parli con il tuo migliore amico, il tuo amico ha probabilmente le sue opinioni e i suoi giudizi sulla situazione, fornisce dei consigli e spinge magari perché siano seguiti. Il rapporto di Coaching è realmente uno sforzo collaborativo che si basa esclusivamente su ciò che il cliente desidera e su ciò che pensa di voler fare. I Coach sono professionalmente preparati ad essere completamente oggettivi e non giudicanti.

Sono pronto ad iniziare!

Se il Coaching, il mio approccio e il mio profilo sono in linea con il tipo di esperienza che stai
cercando, puoi programmare una Discovery Session gratuita per conoscerci meglio e sarò lieta di fare del mio meglio per aiutarti a creare una vita all’insegna della soddisfazione e realizzazione.